Ultima modifica: 6 novembre 2018
Istituto di Istruzione Superiore Forlimpopoli > News > L’ISTITUTO ARTUSI A SCUOLA DI COOPERAZIONE E DI IMPRENDITORIALITA’

L’ISTITUTO ARTUSI A SCUOLA DI COOPERAZIONE E DI IMPRENDITORIALITA’

L’opportunità di prendere parte ad una stimolante esperienza di formazione imprenditoriale e di educazione cooperativa è quella che, lunedì 5 novembre dalle ore 11 alle 13, farà incontrare sui banchi dell’Aula Magna dell’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli gli studenti delle sei classi 5^ di indirizzo enogastronomia e alcune delle eccellenze agroalimentari cooperative dell’Emilia Romagna. L’appuntamento si conferma una nuova tappa all’interno del ciclo di incontri organizzato da Confcooperative FedAgriPesca Emilia Romagna negli istituti alberghieri ed agrari della regione ai fini di promuovere e far crescere i valori della cooperazione, del territorio e dell’impresa a scopi mutualistici per formare i potenziali futuri imprenditori, facendo di loro anche giovani consapevoli, motivati e più responsabili nei confronti della propria collettività.

A portare sui banchi il gusto della cooperazione saranno Daniele De Leo, agronomo esperto in comunicazione agroalimentare con particolare attenzione alle tipicità territoriali DOP e IGP, Davide Pieri, in rappresentanza della FedAgri Confcooperative Emilia Romagna, Riccardo Nascè, responsabile FedAgriPesca per la provincia di Forlì-Cesena, Francesco Pace, a capo di Irecoop Forlì-Cesena, ente di formazione all’interno di Confcooperative E.R., ed alcune delle principali realtà cooperative produttive provinciali, tra cui Orogel Fresco, l’Associazione Forlivese Apicoltori (A.F.A.) con il consigliere Giovanni Scozzoli, la Centrale del Latte di Cesena, rappresentata dal responsabile commerciale Federico Lucchi, e la Gemos, società cooperativa specializzata nel settore della ristorazione collettiva, che sarà presente con l’ex alunno Artusi Mirko Mariani.

Protagonisti della giornata saranno gli oltre 120 studenti dell’ultimo anno, interlocutori privilegiati di una lezione fortemente interattiva, che mira ad avvicinare i ragazzi ai meccanismi che permettono la nascita, lo sviluppo e la gestione di una realtà cooperativa attraverso esperienze concrete di imprenditorialità con al centro le specialità produttive della nostra regione, terra unica e accogliente, operosa e ricca, incredibile scrigno di tesori culinari e di itinerari gastronomici. “Sarà una preziosa occasione di dialogo e di incontro dalla profonda valenza didattica e formativa – dichiara soddisfatto Giorgio Brunet, dirigente scolastico dell’Istituto Artusi – capace di coniugare il mondo dell’impresa e della scuola, coinvolgendo gli studenti, gli insegnanti e gli ospiti delle cooperative che, insoliti docenti per un giorno, si troveranno ad esaltare le proprie produzioni territoriali e i valori da queste rappresentate di fronte ad una platea di giovani, professionisti di domani che potranno raccontare, valorizzare e continuare a produrre quelle eccellenze che tutto il mondo ci invidia o cerca maldestramente di copiare”. L’Emilia Romagna, infatti, con i suoi 44 prodotti riconosciuti dai marchi europei DOP e IGP, è la prima regione in Italia e in Europa per produzioni di eccellenza, molte delle quali sono ottenute e trasformate nelle cooperative, che dunque si confermano tipologia di impresa caratterizzante il nostro settore agroalimentare, dimostrando come, insieme all’eccellenza territoriale, siano le persone con il loro impegno e la loro passione a fare la differenza. L’iniziativa prevede, infine, anche la divulgazione della guida della FedAgri Confcooperative “Il Gusto della Cooperazione”, realizzata nel 2008 e oggi alla quarta ristampa, che verrà distribuita a tutti i partecipanti alla fine della lezione dopo essere stata filo conduttore degli interventi in aula, mentre la giornata si concluderà con un prelibato momento finale.

Prof.ssa Benedetta Neri

Uff. Stampa – Ist. Alb. “P. Artusi” e Liceo Scienze Umane “V. Carducci” – Forlimpopoli

 

Dal sito Forlitoday del 31 ottobre 2018: Vai all’articolo

Da Il Resto del Carlino del 04 novembre

Da Il Corriere di Romagna del 04 novembre